La religione

L’ adorazione di molti dei

Gli Egizi possedevano un vivo sentimento religioso. Erano politeisti, come tutti i popoli dell’antichità, a eccezione degli Ebrei prima e dei Cristiani e dei Mussulmani.
Per gli Egizi c’era una divinità per ogni aspetto della natura e della vita.
Gli Dei erano rappresentati per lo più in forma umana, ma spesso con la testa di un
animale
.

Ammone Ra Il dio più importante era Ammone-Ra, che rappresentava il sole, la cui energia feconda la Terra; la Dea Iside (luna) indicava i periodi più adatti alla semina e al raccolto.
Adoravano Osiride Dio dell'antico Egitto, fratello e marito di Iside. Fatto a pezzi dal dio Seth, fu poi ricomposto e riportato in vita da Iside. La sua figura è legata al sole nascente e al Nilo fecondatore.

Osiride

Anubi

Adoravano anche il Dio del regno dei defunti, giudice delle anime, Anubi dalla testa di sciacallo, che accompagnava il passaggio da questa all’altra vita; la gente lo associa alla morte. Assiste Horus e Thot nella pesatura del cuore dei defunti, preposto ai segreti . E’ figlio illegittimo di Osiride e di Nefthi.

Il popolo egiziano era molto devoto e adorava ogni oggetto o essere che riteneva utile o pericoloso. Fra gli animali veniva adorato il bue chiamato Apis, utilissimo per tutti i lavori, la vacca, il gatto sterminatore dei topi che infestavano l’Egitto, la scimmia, l’ippopotamo, lo scorpione, il leone, il serpente ed il coccodrillo. Sempre si ebbe grande rispetto e venerazione per queste divinità tanto che ancor oggi si vedono in Egitto i resti di magnifici templi dedicati a questi DEI.

Nelle campagne, i culti variavano spesso sovrapponendosi di regione in regione. Tra le divinità più diffuse c'erano il dio del Nilo, e quello del Grano, mentre tra gli animali sacri è da ricordare soprattutto lo scarabeo, usato spesso come amuleto. Nelle sfere che questo animale fabbrica con lo sterco, infatti, gli Egizi vedevano il disco solare, un'altra importante divinità presente in tutto il paese. Celebri erano poi la vacca Hator, raffigurata come una donna dalle orecchie di vacca, o con le corna, e il toro Api, simbolo della fertilità e adorato soprattutto a Menfi, raffigurato come un toro nero con alcune macchie bianche sulla fronte e sul collo.

Anche gli elementi della natura - gli astri, il sole - sono divinizzati. In particolare il Nilo, che con i suoi straripamenti annuali fecondava le terre e i campi, era considerato una provvidenziale espressione della divinità. Questi simboli religiosi continuarono anche dopo l'unificazione del Basso e dell'Alto Egitto; il politeismo deriva infatti dalla fusione di questi differenti culti che continuarono ad essere praticati nelle diverse regioni del paese dove erano maggiormente radicati. I tentativi di introdurre un culto monoteistico non ebbero mai successo.

Il culto di Osiri, largamente diffuso in tutto l'Egitto, era il solo ad avere una precisa storia e una teologia ben definita. Figlio del dio Terra Seb e della dea Cielo Nut, Osiri impersonificava la forza generatrice della terra e del Nilo, ed era lo sposo della sorella Iside con la quale aveva generato Horo. In lotta con il fratello Seth, divinità spesso legata agli aspetti minacciosi della natura come la tempesta, il fulmine o il vento del deserto, Osiri fu da lui fatto a pezzi. Mentre Seth perseguitava Horo, per la successione di Osiride, Iside ritrovò e ricompose il corpo del marito che riportò in vita come sovrano dei defunti.

Thoth

Tra le altre divinità, spesso organizzate in triadi ed enneadi, c'era Thoth, il dio lunare, inventore dei geroglifici e protettore dei testi magici e sapienzali, raffigurato con la testa di Ibis.

Maat

Maat era la dea della giustizia e della verità, raffigurata come una donna con in testa una piuma di struzzo.

Aton

Il dio Aton
Divinità egizia del disco del sole, fu adorato in particolare durante la XVIII dinastia, quando il faraone Amenofi IV tentò di creare intorno alla sua figura un culto monoteistico in opposizione a quello di Ammone.

Satet
Sokar
Seshat
Satet
Dea di Elefantina e sposa di Khnum.
Sokar
Dio della necropoli mentita, padrone della metallurgia e dei Fabbri.

Seshat
Dea del destino.

Montu
Anuket
Atum
Montu
dio guerriero, padrone della guerra e delle sue arti. I faraoni lo invocavano quando c’ erano problemi e gli dava la forza per sconfiggere i nemici; dava il potere e la forza come eroi.
Anuket
Dea dell’ isola di Sehel veniva raffigurata con un copricapo di strana forma, forse di origine straniera. Assieme a Khnum e Satet formava la triade di Elefantina.
Atum
Dio principale di Europoli, creatore, fu poi identificato con il sole. I suoi animali sacri erano il leone e il serpente.

 

Khepri nome che indica l’ aspetto mattiniero del sole, generalmente rappresentato come scarabeo.

Khons dio di tebe associato alla luna Con Amon e Muth formava la triade di Tebe .

Nut Dea del cielo, sorella e sposa di Geb , madre di Osiride, Iside, Seth Nefthi.

Sobek Dio coccodrillo del fayum e di Kom Ombo, connesso alle acque ed alla fertilità. Più tardi creatore.

A cura di Giorgia, Marco O. e Valetnina