Giovedì, 12 Giugno 2014 00:00

L'autostima

L’autostima è uno degli elementi essenziali per il sano sviluppo del bambino. E’ costituita da un insieme di atteggiamenti che una persona ha verso se stessa e verso gli altri: accettazione delle proprie competenze e dei propri limiti, capacità di adeguarsi alle regole sociali in modo flessibile, riconoscere i propri diritti ed essere in grado di agire assertivamente, sapendo gestire efficacemente le critiche. E’ dunque il modo in cui la persona si accetta, si rispetta e si considera di valore.

L’autostima ha allora a che fare con:

 

  1. La consapevolezza delle proprie capacità e dei propri limiti
  2. Il riconoscere e l’accettare se stessi e gli altri
  3. La decisione, la consapevolezza e la convinzione di essere degni di amore e di essere competenti

 

Il bambino costruisce la propria autostima se nel corso del suo sviluppo ha la possibilità di soddisfare i bisogni caratteristici di ciascuna fese evolutiva, se riceve i messaggi adeguati dalle persone che si prendono cura di lui, diventando così una persona fiduciosa delle proprie competenze, che sa prendersi cura di sé e degli altri senza danneggiarli o prevaricarli imponendo la propria personalità (R. Mastromarino, 1993).

 

Si sviluppa attraverso

 

  1. Il Destino
  2. Le esperienze di vita, compresi i messaggi ricevuti dagli adulti significativi
  3. Le decisioni prese di fronte al Destino e/o alle esperienze

 

Educare implica dunque dare stimoli perché i bambini imparino ad usare le proprie capacità cognitive, a stare in contatto con le proprie emozioni e ad agire in modo responsabile risolvendo i problemi che di volta in volta si presentano.

 

All’autostima è legato il concetto di fiducia in se stessi, ovvero la sensazione di poter realizzare le proprie intenzioni, conseguire le proprie mete e riuscire nei propri impegni (Rosemberg e Kaplan, 1982).

 


Messaggi e comportamenti che aiutano a costruire l’autostima

 

Fondamentalmente sono due i tipi di messaggio positivi che accrescono l’autostima: i messaggi per esistere e i messaggi per essere competenti.

 

Le affermazioni seguenti del tipo “Tu esisti” sono essenziali fin dalla nascita e rimangono tali per l’intero arco della vita:
Sono contento che tu sia qui, ti voglio bene, sei proprio piacevole, sei importante per me, è bello vederti, ti ho pensato, buona giornata, mi piaci, è bello abbracciarti…

 

Azioni che inviano gli stessi messaggi sono:
Sorridere, usare il nome proprio dell’altro nella conversazione, stringere la mano, accarezzare, abbracciare, baciare, ascoltare con attenzione…

 

Le affermazioni che seguono del tipo “Tu sei competente” incoraggiano le persone di tutte le età a fare sempre meglio:
Bel lavoro!, continua così, mi piace come disegni, sei un ottimo membro della classe, grazie per essere così paziente, apprezzo il tuo aiuto.

 

Azioni che inviano lo stesso messaggio:
Apprezzare, aiutare, ascoltare, incuriosirsi al lavoro dell’altro, osservare.